Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/filippo0/public_html/wp-content/themes/rose/core/admin/custom-metaboxes/init.php on line 939
About me — Filippo Gualazzi

Ho conseguito il diploma in Nuove Tecnologie dell’Arte presso l’Accademia di belle Arti di Urbino, durante questo periodo ho intrapreso un percorso multidisciplinare che spazia tra grafica pubblicitaria, fotografia e videomaking, discipline che mi hanno permesso di lavorare fin da subito con aziende tra le più note del territorio pesarese con lo studio Grafene. Nel 2013 mi sono iscritto presso l’Accademia musicale “ZeroCrossing”, dove ho frequentato un corso biennale in produzione di musica elettronica. 

Mondo dell’immagine e mondo del suono mi hanno spinto sempre di più a ricercare nuove forme espressive, così nel 2017 mi sono iscritto al corso di “Multimedia Arts&Design” presso la Rome University of Fine Arts, conseguendo la laurea magistrale a pieni voti nel febbraio del 2020.

Il fulcro delle mie pratiche artistiche sono da sempre state fortemente influenzate e legate alla componente sonora, ponendomi come obiettivo quello di rendere tangibile e visibile il suono. Le mie conoscenze in produzione musicale hanno preso forma in diverse collaborazioni con musicisti e compositori, nelle quali ho consolidato soprattutto la mia inclinazione verso le pratiche del video associate all’audio. Alcuni progetti audiovisivi, nati soprattutto in ambito accademico, mi hanno dato la possibilità di partecipare a Festival di rilievo internazionale come “Matera Intermedia”, “UK Young artists”, “Live Performers Meeting”, “Media Art”, “Roma Europa” e “Biennale Musica di Venezia”.

Il mio interesse principale è quello di coniugare mondo fisico/reale con le nuove tecnologie, spesso implementando sensori che creano sistemi interattivi noti nelle pratiche dell’interaction design, del “Physical Computing” e della costruzione dei cosiddetti strumenti espansi.

L’elemento dominante in quasi tutti i miei lavori è il controllo della casualità, dove esploro costantemente nuovi linguaggi di espressione, dettati molto spesso da sistemi generativi che prendono vita con una serie di input e output tra mondo fisico e algoritmi computazionali.

Attualmente collaboro a diversi progetti con studi come: NONE collective, Cabinaa, Otolab e con Associazioni culturali tra cui Umanesimo Artificiale e BitNet.

Ho fondato recentemente lo studio/collettivo QuadroQuantico, specializzato in Interaction design e scenografie virtuali.

 

IL MIO CV.   PORTFOLIO